Home / Consigli per dimagrire / Tahina: aiuta davvero a dimagrire?

Tahina: aiuta davvero a dimagrire?

Perdere peso significa saper mangiare bene, svolgere una continuativa attività fisica, farsi aiutare dall’importante apporto fornito dagli integratori, prodotti naturaliperdere peso con la forskolina come la Forskolina.

Fra i molti alimenti che aiutano a mangiare bene vi è anche la tahina. Per poter perdere peso, oltre a farci dare un valido sostegno dagli integratori naturali che si possono anche acquistare online sul web, è molto importante adottare un sano stile di vita, come pure fare le corrette scelte alimentari, come ad esempio quella di inserire nella nostra dieta il consumo della tahina.

La tahina è un ingrediente molto diffuso nei paesi asiatici e africani che si affacciano sul bacino del Mediterraneo, come pure è anche un alimento utilizzato in Grecia.

La tahina è una pasta che si ottiene dalla macina di semi di sesamo e olio di sesamo, ed ha un aroma che richiama molto le noci e le arachidi. La tahina ha un sapore un poco dolce e una consistenza morbida come il burro fuso. Infatti, viene anche ad essere detta burro di sesamo. Ma oltre a queste particolarità, la tahina può divenire un elemento da poter integrare in una dieta volta alla perdita di peso, anche perché risulta essere particolarmente ricca di vitamine E e B, oltre ad essere in grado di poter essere efficace nell’abbassamento del colesterolo.

La tahina viene ad essere utilizzata nella preparazione di svariate mezzeth, che sono i tipici antipasti che si possono trovare nelle cucine mediorientali, come ad esempio l’hummus, a base di ceci, i falafel, le polpettine speziate a base di legumi, e anche in alcuni dolci, come l’halva.

La tahina pertanto offre la possibilità di poter essere utilizzata in varie maniera, fornendo quindi un ampio spettro di preparazioni gustose e alternative. Infatti, come ricordano sempre gli esperti, per poter in maniera efficace perdere peso è opportuno, oltre a farsi aiutare dagli integratori naturale che si possono acquistare in maniera molto comoda anche sul web, variare il cibo.

La tahina è ricca di vitamine E e B

La tahina permette la creazione di piatti a basso contenuto calorico, e che sono gustosi e, volendo, anche esotici. La tahina dà sicuramente il meglio di sé in compagnia di aglio e del limone.

Con la tahina si può preparare, infatti, anche il babaganoush, che è una crema a base di melanzane, aglio e limone, molto piacevole, che in Medio Oriente sostengono essere talmente seducente da poter creare una sorta di positiva dipendenza. Addirittura in Siria, la credenza popolare era che le donne che mangiavano la tahina, ne andavano anche ad assumere le virtù seduttive.

La preparazione della tahina ha delle origini che sono antichissime nei Paesi Mediorientali. Non per nulla risale a oltre 4000 anni fa il primo documento storico nel quale si accenna alla tahina. Lungo il Tigri e l’Eufrate, quindi nella zona della Mesopotamia, erano molto note le piantagioni di sesamo, dalla lavorazione del quale si andava a produrre la tahina.

Solo nel Novecento, invece, la tahina è incominciata ad essere anche nota in occidente. Come derivato del sesamo la tahina è anche un fonte di grassi considerati buoni, come pure di polinsaturi, tra i quali omega 3 e omega 6, ma anche di sali minerali quali calcio, zinco e magnesio. È più che sufficiente un cucchiaino di tahina per poter insaporire in maniera gustosa un piatto.

La tahina in cucina

La sua valenza è in occidente talmente riconosciuta che trova anche il suo utilizzo tanto nella cucina vegana quanto nella cucina vegetariana.

Come crema che viene ad essere acquisita dai semi del sesamo, la tahina risulta essere particolarmente versatile in cucina, anche grazie al suo buonissimo sapore. Con il suo utilizzo potremo quindi arricchire di salute e di gusto ogni nostra pietanza.

Grazie ad essa, inoltre, si potranno anche andare ad assumere numerosi sali minerali e vitamine. Quindi le motivazioni per le quali si può consumare la tahina sono davvero molteplici, come, ad esempio, il fatto di essere ricca di minerali quali il ferro, il potassio, il magnesio e il fosforo.

Ma la tahina risulta anche essere una buona fonte dell’amminoacido metionina, il quale aiuta il fegato a disintossicarsi. Essendo prodotta con il sesamo la tahina è di certo un grande fonte di calcio. Ha anche vitamina E e del gruppo B.

Grazie alla presenza del ferro si può prevenire l’anemia e promuovere anche la crescita di cellule sane. La tahina è ricca di grassi insaturi, che vanno a proteggere le arterie e il cuore, oltre a ciò consente pure di avere una pelle sana. La tahina inoltre è composta di proteine per il 20%, e contrasta l’invecchiamento essendo una buona fonte di antiossidanti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

tre + diciannove =

Scroll To Top